Web news
Youtube SEO (part 3)

Dopo le keywords dobbiamo ragionare su titolo e descrizione. Qui le web agency fanno SEO nel modo più classico, ovvero calcolando la giusta proporzione tra testi e parole chiave oltrte che renderli appetibili per gli utenti invogliandoli a cliccare il video, questo aumenterà il CTR (click through rate), ovvero il rapporto tra visualizzazioni e click, più questo fattore è alto più il video è considerato rilevante con conseguenti benefici sul posizionamento. La descrizione consente di descrivere in poche righe quello che troveremo nel video, la cosa più importante da considerare è la chiarezza, invogliare l'utente a cliccare il video resta il fattore principale, poi ci sono le parole chiave, queste nella giusta proporzione (non troppo ma nieanche troppo poco) dovranno comparire nel testo, specialmente nelle prime righe evitando che il discorso perda di naturalezza.

Youtube SEO (part 2)

Dopo la breve introduzione della news precedente passiamo al lato pratico. La prima cosa da considerare sono le parole chiave sui cui vogliamo puntare. proprio come in fase di realizzazione siti web occorre fare un'adeguata ricerca delle keywords per capire su quali lavorare, magari sfruttando anche i suggerimenti che il portale ci indica in fase di inserimento, anche Google Trends ci può aiutare selezionando 'Ricerca di Youtube' dall'apposita lista a tendina. Come per i siti internet è consigliabile utilizzare parole che muovano un po' di ricerche ma evitando quelle troppo generiche dove c'è un'alta competizione. L'ideale è trovare il giusto compromesso tra numero di ricerche e concorrenza, inserirsi nella porzione di ricerche ottimali sotto tutti i punti di vista, diciamo equilibrata, in modo da avere delle possibilità, chiavi troppo generiche ad alta concorrenza risultano pressoché impossibili.

Youtube SEO (part 1)

Dopo Google Youtube è il motore di ricerca più usato nel mondo, questo dato ci fa capire quanto possa essere importante per la visibilità di un brand. Come sappiamo i video sul web funzionano molto bene, le persone spesso preferiscono ascoltare e guardare un video per approfondire un argomento puttosto che leggere pagine chilometriche. Le aziende si sono rese conto di questo e sempre più spesso si rivolgono ad agenzie di comunicazione per lo sviluppo di video pubblicitari.Ovviamente è importante che il video venga trovato nel vasto archivio presente sul noto portale, nella prossima news vedremo come muoversi per indicizzare al meglio i nostri video perché vengano trovati dagli utenti. La nostra agenzia non si occupa solo di creazione siti web e SEO ma anche di foto e video professionali, contattaci per maggiori informazioni.

SEO e titoli (part 2)

Come abbiamo scritto ogni uso dei titoli diverso dal descrivere la sezione seguente non porta nessun vantaggio, anzi rischia di penalizzarci. Quando ci occupiamo di realizzazione siti web valutiamo al costruzione di un layout ben strutturato, una volta si pensava che sSpostare il testo all'inizio della pagina lasciando sotto immagini e altri contenuti non testuali fosse vantaggioso per indicizzare il testo, invece non porta alcun vantaggio, Restano comunque più rilevanti le prime righe dei testi inseriti, indipendentemente che siano sopra o sotto le immagini, per ora questa cosa non è ancora stata smentita ed è così fin dai primi tempi. Parole in grassetto, italico, liste puntate, sono tutti elementi considerati in modo favorevole ma come per i titoli non vanno abusati, devono semplicemente favorire la lettura rendendo più evidenti i punti salienti del testo.

SEO e titoli (part 1)

Come sappiamo i contenuti sono fondamentali per un buon posizionamento nei motori, le web agency durante la creazone dei siti web si avvalgono di copywriter esperti per redigere testi rilevanti e di qualità. Le linee guida di questa materia iniziano con l'importanza dei titoli (h1, h2, h3 ecc.), al contrario di quello che si crede non vanno riempiti di parole chiave, o meglio vanno usate ma con moderazione, uun uso eccessivo in questi titoli potrebbe sortire l'effetto contrario, facendo risultare il sito in modo negativo agli occhi dei motori. Dovrebbero essere un indicatore di cosa si sta parlando nel testo che segue il titolo, indipendentemente dalle parole chiave. Dovremo dare più informazioni possibili sull'argomento per rendere la pagina appetibile ai motori, senza riempirla di parole chiave e ogni pagina dovrà trattare il proprio argomento con realtivi titoli e testi.

Link penalizzanti

Come sappiamo Google aggiorna di continuo l'algoritmo e a volte le novità impattano in modo molto forte sul SEO, spesso diamo la colpa della perdita di posizioni a questi aggiornamenti ma non è sempe così. Alcuni blogger accusavano l'algoritmo di aver penalizzato i blog che ricevevano link da siti di bassa qualità, ovviamente la lamentela rguardava il fatto di non poter rinnegare i link trasformando gli stessi in un mezzo di penalizzazione dei siti concorrenti. Non era così, ovvero il discorso era più ampio e comunque i siti vanno puliti completamente dalle campagna di link building 'costruite' solo per il SEO, da sempre e non solo oggi, fattore da considerare sempre in fase di realizzaizone siti web. Tutti gli stratagemmi poco puliti che nei primi anni del web premiavano oggi vengono puniti a livello di posizionamento, sono pertanto da evitare.

E-commerce a Natale

Da qualche anno la corsa dei regali di Natale viene effettuata principalmente sul web. Lo rilevano diverse ricerche effettuate in questi anni, sicuramente la pigrizia e la completa assenza di file davanti ai negozi sono i maggiori complici d questo successo degli shop online. Quest'anno solo in italia oltre il 60% delle vendite avverrà in rete. non solo i motori di ricerca avrano un ruolo fondamentale ma anche i social network, se pur ini modo minore, saranno presenti in questa corsa al regalo natalizio. ND web agency Bologna si occupa di realizzazione siti internet e e-commerce, contattaci per un preventivo personalizzato. E le piattaforme più usate per fare queste ricerche? Ovviamente smartphone e tablet, un trend in continua crescita a discapito dei computer. Purtroppo la tendenza è quella di visitare i negozi per poi acquistare gli stessi prodotti in rete a prezzi più bassi a discapito dei negozi tradizionali.

Inbound marketing (part 2)

Ora che abbiamo capito di cosa si tratta vediamo come metterlo in pratica e in che modo ci aiuterà a trovare nuovi clienti. Come prima cosa dobbiamo attirare i motori in modo che ci rendano visibili nei risultati di ricerca, se il testo avrà tutti i parametri che il SEO richiede avremo buone possibilità (ma non basterà, abbiamo già trattato l'argomento 'posizionamento' in realizzazione siti web e SEO). Il secondo passo (o meglio la seconda difficoltà) consiste nel convertirre questa visita in un contatto, per fare in modo che si compia questo processo occorre che itesti siano molto interessanti e mirati sull'argomento, l'aggiunta di video può aiutare non poco, dovrà poi essere molto favile contattarci, ad esempio tramite pulsanti ben visibili o moduli da compilare. Sarà poi compito dell'azienda tenere vivo questo contatto, chiedendo recensioni, inviando promozioni, ecc.

Inbound marketing (part 1)

In passato per incrementare il fatturato della nostra azienda cercavamo nuovi cliente nelle fiere, negli eventi, tramite pubblicità sui giornali, ovvero nei cosiddetti canali tradizionali (non digitali), mentre oggi abbiamo a disposizione il web che ci consente di raggiungere molte più persone con costi inferiori rispetto all'era non digitale.Uno dei fattori che ci aiuteranno nel nostro obiettivo sono i contenuti di qualità, questi ultimi sono il motore dell'inbound marketing, ovvero trovare nuovi clienti grazie a contenuti così inteeressanti da invogliare l'utente a contattarci, oppure a condividere il nostro testo con altri potenziali clienti facendo promozione per noi. Ma non dovranno essere interessanti solo per chi naviga online, dovranno attirare anche i motori di ricerca, in fase di creazione siti web non dobbiamo dimenticare l'importanza di testi SEO oriented.

ND-commerce

A breve uscirrà la nuova versione del nostro software dedicato all'e-commerce con numerose novità che lo rendono sempre più performante e adatto alla vendita online di qualsiasi tipologia di prodotto o servizio. Ci occupiamo di realizzazione siti web, marketing online e gestionali web-based, sviluppiamo questo applicativo da oltre 15 anni, aggiornandolo continuamente per restare al passo con tutte le novità del settore, lo vendiamo ad aziende di diverse dimensioni (dal piccolo artigiano alla grande industria) e ad altre web agency che lo rivendono con il loro brand. Tra le novità: un sistema di filtri completamente gestibile in modo molto semplice per filtrare i prodotti, inserimento del doppio fattore di autenticazione per garantire una maggior sicurezza degli accessi, potenziata la gestione globale dei prezzi e tanto altro. Contattateci senza impegno per maggiori informazioni.

Social Ads (part 2)

Targhetizzare un pubblico a cui inviare i nostri spot è oggi la normalità, questo ha cambiato radicalmente il modo di fare pubblicità rendendola più produttiva e permettendo di ottimizzare al massimo il rapporto costi benefici. Nel mondo social questa targhetizzazione raggiunge i massimi livelli, il perché è molto spemplice: quando apriamo per esempio Facebook siamo loggati e il social conosce perfettamente chi siamo, quanti anni abbiamo, se siamo uomini o donne, cosa ci piace fare, ecc. Ci occupiamo di social media marketing e creazione siti internet, contattaci per sapere come possiamo aiutarti ad aumentare la tua visibilità online. Ogni volta che mettiamo un 'mi piace' esprimiamo un interesse che verrà poi sfruttato (assieme a tanti altri fattori) per proporci i prodotti o i servizi che ci interessano di più. Questa targhetizzazione è meno forte nei motori anche se la resa spesso è maggiore.

Social Ads (part 1)

Dalla nascita dei social networks gli investimenti pubblicitari da parte delle aziende sono cambiati convergendo dai canali tradizionali (TV, radio e riviste) al web,buona parte di questi è diretto verso i social networks. In passato il canale era unidirezionale, ovvero veniva inviato un messaggio per esempio dalla TV e una moltitudine di persona lo ascoltava. Ovviamente si poteva 'scremare' pochissimo il pubblico, magari uno spot trasmesso alle 2 di notte escludeva i bambini, al mattino coinvolgeva di più le casalinghe, ma questo era il massimo che si poteva fare, impossibile targhetizzare ulteriormente  Oggi possiamo indirizzarlo solo a chi interessa veramente, massimizzando al massimo i nostri investimenti. Ci occupiamo di creazione siti web e social media marketing, contattaci senza impegno per un'analisi gratuita mirata all'aumento della visibilità online sui social e non solo.

Dal web 1.0 al 4.0 (part 4)

Arriviamo in fine al web 4.0: la prima cosa di cui si paral sono i 'big data', ovvero tutta quella serie di dati che le aziende carpiscono da una moltitudine di fonti collegate alla rete (cellulari, automobili, social media, ecc.) , come si può immaginare il valore di questi dati è altissimo, possono aiutare le aziende a capire i mercati, a rilevare cosa spinge gli utenti ad acquistare un determinato prodotto o un servizio. Anche in fase di realizzazione siti web si tiene conto di questo, cercando di carpire dati sulle abitudini degli utenti per ottimizzare il sito. Altro fattore importante è l'intelligenza artificiale che  sempre più viene usata nel web ad esempio per offrire assistenza 24h al giorno. unu web più 'intelligente' in grado di interagire con la nostra vita in modo più ampio, dalla realtà aumentate alla domotica, sarà il nostro frigorifero a ordinare i prodotti al supermercato quando ne avremo bisogno.

Dal web 1.0 al 4.0 (part 3)

Siamo arrivati al web 3.0: qui la collocazione temporale è dal 2006 iin avanti, le novità sono parecchie, forse le fue più rilevanti sono state la trasformazione del web in un database e la semantica. Tutti i dati vengono archiviati in database, questo consente di poterli utilizzare in tanti modi, non più solo sulle pagine visibili nei browsers, ma possono venire utilizzate per esempio dalle app degli smartphone. Le agenzie in fase di creazione siti internet sviluppano tecnologie rss, xml, ecc. che permettono di condividere questi dati nelle più diverse piattaforme. la semantica diventa fondamentale per poter effettuare ricerche sempre più veloci e precise, si basano sulla presenza di parole chiave, collegamenti ipertestuali ecc; Nasce il web design responsive che consente di sviluppare siti web che si adattano ad ogni piattaforma, dai piccoli smartphone ai grandi monitor dei desktop.

Dal web 1.0 al 4.0 (part 2)

Passiamo al web 2.0: la collocazione temporale è tra il 2000 e il 2006, qui gli utenti non si limitano esclusivamente ad usufruire dei contenuti testuali e delle immagini ma possono interagire con i siti web che da statici sono diventati dinamici. Le agenzie che si occupano di realizzazione siti web lavoreranno in modo diverso rispetto al passato creando delle interfacce che renderanno autonomi i gestori dei siti web nella gestione dei contenuti. Gli utenti stessi possono condividere i propri contenuti, nascono blog e social network. Il rapporto azienda cliente muta radicalmente, ora la partecipazione di questi ultimi è molto più forte e le aziende riescono a intercettare gusti e tendenze della propria clientela. inoltre la nascita di smartphone e tablet consente agli utenti di essere sempre connessi e l'interazione con il World Wide Web raggiunge un livello altissimo.

Dal web 1.0 al 4.0 (part 1)

Il web è nato nel 1989 da Tim Berners Lee, da quel giorno è in continua evoluzione e questi cambiamenti influiscono anche sul mondo reale. La crescita del World Wide Web è esponenziale, è stato superato il miliardo di siti web pubblicati e questo dato è in continua crescita. La crescita è avvenuta in diverse fasi nominate in modo numerico, dall'1.0 al 4.0, anche se si parla già di 5.0, vediamo le diverse fasi come si sono articolate. Web 1.0: possiamo dargli una collocazione temporale tra il 1990 e il 2000, le agenzie si occupavano esclusavamente di creazione siti web statici (ovvero senza possibilità di gestirli da CMS) per cui ci lavoravano esclusivamente le web agency che erano in gradi di agire sul codice, gli utenti li utilizzavano esclusivamente per usufruire di contenuti testuali e immagini. L'interazione era limitata ai classici contatti tramite mail e telefono, non c'era altra interazione da parte degli utenti.

Page Speed (part 2)

Occorre valutare questo fattore sin dall'inizio, già in fase di realizzazione siti web dobbiamo calibrare al meglio tutte le risorse che utilizziamo nelle nostre pagine web, dalle immagini agli script in modo da renderlo più leggero possibile. Oggi possiamo ridurre il peso delle immagini mantenedo un'ottima qualità, possiamo utilizzare strumenti impensabili fino a qualche anno fa che ci permettono di avere un rapporto qualità/peso veramente ottimo. Ma perché per i motori di ricerca è così importante questo fattore? Semplice, per la user experience, ovvero l'esperienza di navigazione che offriamo ai nostri utenti, delle pagine molto lente offriranno un'esperienza scarsa, fastidiosa e invoglierà l'utente ad andare altrove per soddisfare i propri interessi. Per cui contenuti di qualità e page speed vanno di pari passo, nessuno dei due deve mai mancare in un sito web per essere visibili.

Page Speed (part 1)

La velocità di caricamento di un sito web è oggi uno dei fattori che contribuiscono al SEO, ovvero all'ottimizzazione per un miglior posizionamento presso i motori di ricerca. E non è un fattore marginale: oggi è diventato uno dei parametri più rilevanti, le web agency che si occupano di creazione siti web sanno bene che non possono esimersi dall'ottenere dei punteggi elevati per i propri clienti, pena un peggior posizionamento delle pagine web. Il punteggio lo possiamo verificare attraverso vari tools gratuiti che troviamo in rete, la velocità di caricamento viene misurata da 0 a 100, quest'ultimo è il massimo della velocità ottenibile. Bisogna fare attenzione a dove otteniamo il nostro punteggio, se nella versione desktop o mobile. Infatti la misurazione viene fatta sia da piattaforma desktop che da piattaforma mobile, quest'ultima sarà quella veramente rilevante per il SEO.

Web marketing (part 3)
Altro fattore da considerare sarà la visual search, quest'ultima diventerà uno strumento davvero molto utile, di cosa si tratta? Scattiamo una foto al prodotto che vogliamo acquistare e poi lasciamo che il motore di ricerca lo trovi per noi. Questo comporta che le web agency durante la creazione dei siti internet rendano le immagini ben riconoscibili, pulite e chiare, con titoli che aiutino a definire il prodotto. Inoltre aumenterà notevolmente l'utilizzo di brevi filmati per illustrare i prodotti, i vantaggi sono molteplici, in primis l'efficacia del video che può descrivere un prodotto in modo molto più efficace rispetto alle immagini, poi abbiamo la diffusione sui social che aiuterà a fare marketing portando clienti al sito. I video dovranno essere di qualità non troppo bassa e girati da esperti del settore in grado di cogliere in pochi secondi l'essenza del prodotto e pubblicizzarlo al meglio, mostrando i vantaggi che ti porterà se lo acquisterai.
Web marketing (part 2)
Continuiamo con l'evoluzione del web marketing nei prossimo anni: il secondo fattore da considerare sono le AI (intelligenze artificiali), potranno analizzare i dati degli utenti in modo molto più preciso rispetto ad ora e proporgli banner e pubblicità online mirate e di loro interesse, rispondendo in modo molto più preciso alle loro reali esigenze, migliorando non di poco l'efficacia delle campagne pay per click. Altra realtà da considerare saranno i chatbot, assistenti virtuali che dialogheranno con i visitatori del sito web aiutandoli rispondendo a domande e guidandoli all'interno del sito. In fase di realizzazione siti web saranno da implementare. Offrono numerosi vantaggi, primo fra tutti l'utente non dovrà mai aspettare che un assistente sia libero ma potrà dialogarci immediatamente. Specialmente nei siti e-commerce diventerà indispensabile e aiuterà a incrementare le vendite.
Web marketing (part 1)
Il web marketing sta cambiando e nei prossimi dieci anni cambierà in modo ancora più incisivo, questa evoluzione è dovuta alle novità tecnologiche che pur essendo già presenti non sono ancora molto diffuse, ma lo saranno nei prossimi anni e costringeranno le web agency a una rivoluzione nel loro modo di fare digital marketing. Il primo fattore da tenere presente sarà la ricerca vocale, già presente nella maggioranza dei browser ma ancora poco utilizzata, si stima che il prossimo anno dovrebbe arrivare intorno al 20%, saranno gli assistenti vocali di Alexa, Google, ecc. a proporci i risultati delle nostre ricerche e lo faranno in modo lievemente diverso da come siamo abituati. Per ottenere buoni risultati dovremo ottimizzare al meglio la semantica, non avremo più le classiche parole chiave ma brevi frasi 'colloquiali', creazione siti web e SEO dovranno tenere conto di questo fattore.
ND-commerce
La nostra piattaforma e-commerce arriva alla versione 13.3 con nuove caratteristiche e un back-office completamente rinnovato. Il programma in vendita da oltre 10 anni viene aggiornato periodicamente per restare al passo con tutte le ultime novità tecnologiche, la prima versione nacque per proporre ai nostri clienti una piattaforma semplice da usare poiché i programmi esistenti risultano sempre troppo complicati per utenti che non hanno dimestichezza con questo mondo, inoltre richiedono continui aggiornamenti per funzionare correttamente, al contrario del nostro dove gli aggiornamenti servono esclusvamente per implementare nuove funzionalità. Lo vendiamo a un prezzo molto concorrenziale, perfetto anche per chi si affaccia al mondo e-commerce per la prima volta, operativo in soli due giorni lavorativi. Siamo un'agenzia specializzata in creazione siti web e e-commerce, contattaci per provare i nostri prodotti.
Logo (part 3)
La fase iniziale comprende l'incontro con il cliente per capire bene gli obiettivi e il core business dell'azienda, occorre capire bene il prodotto/servizio venduto, il pubblico che lo acquisterà, dove verrà utilizzato il logo, i colori aziendali e tanto altro. Poi va analizzato il mercato, come ragionano i potenziali clienti e da cosa si fanno convincere (colori, forme, parole, ...). Occupandci di realizzazione siti web e comunicazione (anche cartacea) lavoriamo sempre perché queste due cose siano pefettamente integrate, optando per la soluzione che renda al meglio in entrambi i mondi. In genere facciamo più proposte in base agli input ricevuti dal cliente e dalle nostre ricerche, infine lavoriamo sulla proposta scelta dal cliente modificandola (fino anche a stravolgerla), il tutto per ottenere un risultato ottimale che soddisfi il cliente. L'importanza di un logo efficace spesso viene sottovalutata dal cliente ma è fondamentale per il successo di un brand.
Logo (part 2)
Ripartiamo dal concetto di 'semplicità'. Creare un logo semplice, riconoscibile e impattante non è affatto facile, spesso i clienti sottovalutano questa tipologia di lavoro, pensando che per fare un logo occorrano una manciata di ore, qualche scopiazzamento e una minima conoscenza dei programmi di grafica, ma non è così. Va analizzato il settore, l'azienda e il suo core business, gli obiettivi che l'azienda vuole raggiungere e tutto questo prima di iniziare la vera fase creativa. Ci occupiamo di creazione siti web e comunicazione da tanti anni e ogni volta che eseguiamo un logo ci troviamo di fronte a una sfida sempre nuova, accompagnata dagli anni di esperienza che aiutano non poco ad ottenere un buon risultato, ma comunque sempre diversa e stimolante, che richiede tempo e competenze.
Logo (part 1)
Come avviene la creazione di un logo? Quali sono le fasi che caratterizzano il processo che porta alla sua creazione? Potremmo dire che il logo è una (o 'la') parte fondamentale della brand identity, infatti contribuisce a creare l'immediata connessione tra il prodotto e l'azienda che lo produce. Creazione siti internet e comunicazione vanno a breccetto, per cui dovrà essere non solo impattante e come vedremo studiato nei minimi termini, ma dovrà anche adattarsi perfettamente al web pere cui anche la forma geometrica dei suoi contorni sarà importante. La nostra agenzia ha una regola dalla quale (secondo noi) non conviene allontanarsi se non in casi eccezzionali: la semplicità, che non significa 'facilità di esecuzione', anzi questa regola complica ulteriormente le cose.
Reputazione online (part 3)
I commenti degli utenti, sui social o anche nel blog del vostro sito (ovviamente questi ultimi sono meno credibili perché facilmente modificabili) rappresentano forse la parte più importante di tutto quello che abbiamo visto fin'ora. Un probabile nuovo cliente guarderà cosa pensa il pubblico di voi, cosa scrive chi si è già rivolto a voi acquistando il vostro prodotto o servizio, ne leggerà una manciata per capire se può fidarsi di voi. Occorre montorare in continuazione i commenti e in caso di commenti negativi rispondere prontamente, spiegando il perché e proponendo al cliente una sostituzione per esempio. Come web agency ci occupiamo di gestire questa parte per i nostri clienti aiutandoli a mantenere o costruire la loro reputaizone online.
Reputazione online (part 2)
Oltre al sito internet di cui parlavamo nella news precedente è fondamentale essere presenti in rete in modo professionale, non basta aprire una pagina nei vari social solo per dire 'ci sono', occorre lavorarci sopra e far sentire la propria presenza. I post dovranno essere di qualità, ben scritti a livello grammaticale ma non solo, dovranno essere interessanti, invogliare l'utente alla lettura e dovranno intercettare il giusto pubblico, quello che può diventare vostro cliente. Questo discorso non è valido solo per i social, in fase di realizzazione siti web e SEO è importante pensare di realizzare un blog tutto vostro, oltre che rendere più interessante e vivo il sito vi aiuterà nel posizionamento sui motori, altro fattore rilevante per la reputazione online.
Reputazione online (part 1)
Com'è la nostra reputazione online? In inglese web reputation è l'opinione che il nostro brand ha in rete, cosa viene detto di noi, la fiducia che la nostra azienda trasmette al pubblico del web, sono fattori fondamentali per emergere e acquisire nuovi clienti. Come possiamo fare per migliorarla? La prima cosa è possedere un sito web legato al nostro brand, che sia professionale e che ci rappresenti al meglio, tutto dovrà essere di qualità: foto, contenuti redatti da un copywriter, grafica curata e pulita, in fase di creazione siti web diamo molta importanza anche al dominio che dovrà contenere il nome dell'azienda, essere elegante, possibilmente senza trattini e più corto possibile, con un'estensione nazionale (.it) o internazionale (.com).
Mobile First
Spesso sentiamo usare dalle web agency che si occupano di realizzazione siti web questo termine, proviamo a spiegare cosa significa.Google visita il vostro sito e memorizza tutte le informazioni che trova per poi elaborarle e valutarle attribuendo al sito un punteggio per collocarlo nella posizione che ritiene adatta a ciò che a trovato (ma non solo, valuta tantissime cose come i link in entrata, se ha i certificati ssl oppure no, ecc.). Questa valutazione oggi viene fatta sulla versione mobile e non più sulla versione desktop. Questo è il mobile first. un caso rilevante è se la versione mobile ha meno testo per esempio, questa versione 'ridotta' sarà valutata dal motore di ricerca ai fini del posizionamento. Basteranno poche accortezze per non essere danneggiati da questo cambio di rotta.
Vendere online (part 3)
Il consiglio sicuramente più importante, oggi determinante per la riuscita di uno shop online, è fare delle campagne a pagamento. Non è pensabile avere un negozio online che possa vivere senza campagne pay per click o simili sempre attive. Il budget è variabile per cui ognuno può decidere quanto spendere, tuttavia se la campagna rende in termini di vendite saremo sempre invogliati a crescere l'investimento per aumentare le vendite. Non è facile fare una campagna redditizia, conviene affidarsi a web agency che si occupano di realizzazione siti web e SEO. Ultimissimo consiglio: il sito deve essere veloce, professionale per trasmettere la giusta impressione al cliente, usabile che permetta di finalizzare l'acquisto in pochissimi click.
Pagina precedente news SEO e web design Pagina successiva news SEO e web design
RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il seguente modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi oppure telefonicamente al n. 347 2433781
  Acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato nell'informativa privacy (leggi l'informativa)