INDIETRO
Autocomplete e SEO

Autocomplete e SEO

L'autocomplete è una funzionalità del noto motore di ricerca che tutti conosciamo e utilizziamo quotidianamente.

 

Ogni volta che iniziamo a digitare la nostra query di ricerca la prima cosa che facciamo è guardare la tendina che si apre per vedere se ci viene proposto quello che stiamo per scrivere o qualcosa di molto simile, per cliccarlo e attivare la ricerca risparmiando tempo. Questo è l'autocomplete, una funzione presente anche in molti siti web come per esempio gli e-commerce.

 

A volte si tratta di una semplice interrogazone del database in tempo reale per proporre ad esempio i nomi dei prodotti in catalogo che iniziano con le lettere digitate, a volte è una funzionalità più elaborata gestita da una AI e può proporci i prodotti che iniziano con le lettere appena digitate ma in linea con il nostro target e le nostre abitudini all'interno del sito web.

 

Questa funzionalità è stata introdotta nel 2008 e oggi viene utilizzata praticamente da tutti, si calcola che faccia risparmiare circa il 25% sul tempo di digitazione, soprattutto da mobile dove scrivere è sicuramente più scomodo rispetto a un desktop.

 

Prima abbiamo detto che esistono due tipi di autocomplete, Google utilizza quello più sofisticato, ovvero le frasi proposte vengono gestite da una AI molto sofisticata, che si evolve col tempo e che è in grado di preedere l'intento di ricerca sulla base di molteplici dati raccolti sulle abitudini e le ricerche degli utenti.

 

L'AI si basa sulla cronologia delle ricerche effettuate, sulle ricerche comuni, sui trend delle ricerche e sulla geolocalizzazione da dove stiamo cercando.

 

Dobbiamo capire che non si tratta solo di suggerimenti ma di una vera e propria previsione di quello che vogliamo cercare. Questo fa la differenza tra delle semplici frasi ricavate dalle lettere inizial e delle frasi che provano a prevedre quello che vogliamo cercare.

 

L'autocomplete ha dei filtri, ovvero non mostra query che potrebbero forniri risultati troppo espliciti, violenti, ecc.

 

Uno degli scopi di questa funzionalità è anche correggere gli errori ortografici che spesso commettiamo digitando in fretta e che non correggiamo proprio perché sappiamo che interverrà l'atocomplete a proporci la frase o la parola corretta.

 

 

Autocomplete e SEO

 

 

Come possiamo sfruttarlo per la SEO?

 

Prima di spiegare come ci può aiutare per la SEO spieghiamo il concetto di keywords long tail.

 

Le keywords 'a coda lunga' sono quelle parole chiave composte da 3 o più parole, sono keywords che magari muovono meno ricerche ma che d'altro canto ci offrono la possibilità di posizionarci in modo più facile rispetto alle parole chiave singole o massimo formate da due termini. Infatti questo genere di keywords offrono:

 

  • meno competizione perché essendo più articolate vanno a scremare siti web che possono essere trovati
  • utenti più interessati perché descrivendo in modo più dettagliato la ricerca sono utenti che sanno quello che vogliono trovare
  • maggior tasso di conversione perché trovando risultati molto più vicini alle aspettative molto più probabilmente converiranno

 

L'automplete può fornirci un elenco di keywords long tail correlate alla ricerca che stiamo facendo aiutandoci a trovare nuovi temrini per cui posizionarci.

 

Se ad esempio abbiamo bisogno di capire su quali parole chiave puntare ad esempio per posizionare un negozio nelle ricerche di una determinata città possiamo digitare il tipo di attività seguito dalla località. Ci verranno proposte query correlate sicuramente interessanti, ma possiamo fare di più. Aggiungiamo una lettera alla fine per pilotare le query e vederne sempre di più, ad esempio una 'a', oppure possiamo aggiungere un modificatore: come, dove, perché, ecc.

 

Un dato molto interessante lo si può ottenere mettendo il nome del brand e vedendo cosa ci viene proposto, a seconda che vengano abbinati al brand termini positivi o negativi potremmo capire la reputazione online del brand stesso e anche a che termini di ricerca viene abbinato dalla AI e di conseguenza dagli utenti.

 

 

Possiamo manipolarlo?

 

Anche se in rete esistono diversi articoli che ne parlano la nostra opinione è che non sia possibile, nel senso che cambiando le abitudini cambierai i suggerimenti ma solo sul tuo profilo e sulle tue ricerche, troviamo infondate le teorie che parlano di manipolazione a livello globale.

 

Al contrario potrebbe il motore stesso mediante proposte mirate manipolare i trend delle ricerche mondiali ma anche qui ci sentiamo di negare questo aspetto che ricade semplicemente tra le varie teorie complottiste. Ricordiamoci che non ci lavora solo una persona ma migliaia e non sarebbe possibile coinvolgere e costringere al silenzio un numero così alto di dipendenti che lavorano sul codice.

 

 

Sfruttiamo l'automplete per la SEO

 

 

Conclusioni

 

In questo articolo abbiamo visto cos'è l'autocomplete e come sfruttarlo per la SEO. Uno strumento completamente gratuito che può aiutarci a individuare keywords long tail molto interessanti per il nostro posizionamento, keywords a cui non avremmo mai pensato e che possono farci salire in modo molto più facile rispetto alle parole chiave più blasonate.

 

Spesso queste keywords meno cliccate offrono tassi di conversione altissimi attirando un pubblico più informato e che sa quello che vuole.

 

Ovviamente non esiste solo l'autocomplete per effettuare questo tipo di valutazione, trovate tantissimi programmi specializzati che fanno molto bene questo lavoro ma vengono proposti a costi non piccolissimi e con canoni periodici da pagare per continuare a utilizzarli.

 

 

Potrebbe interessarti anche

 

 

 

Chi siamo

 

Siamo un'agenzia web con oltre 20 anni di esperienza, ci occupiamo di web marketing, SEO e SEM, richiedi un preventivo gratuito.

RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il seguente modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi oppure telefonicamente al n. 347 2433781
  Acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato nell'informativa privacy (leggi l'informativa)