INDIETRO
Click e posizionamento

Click e posizionamento

Quando iniziai a interessarmi di web le cose erano diverse, si diceva che i click influenzavano il posizionamento, ma (purtoppo) parlo di tanto tempo fa, ormai non si trova più nulla in rete relativamente a quel periodo.

 

Ricordo che ci fu anche della polemica a riguardo perché alcuni programmatori crearono dei semplici script che simulavano i click per guadagnare posizioni. La SEO era inesistente e spesso nei meta title si scrivevano cose completamente diverse dai contenuti reali della pagina e la cosa bella era che si posizionavano, attirando clienti che cercavano tutt'altro ma che comunque avrebbero visto i nostri prodotti.

 

Gli stratagemmi erano tanti, oggi sarebbero tutti inattuabili a causa del perfezionamento dell'algoritmo del noto motore di ricerca che li scoverebbe e punirebbe questi comportamenti penalizzando i relativi siti web.

 

Ma veniao ad oggi, i pareri sono contrastanti anche se le lilnee guida del colosso di Mountain View sono chiare: i click non influenzano il posizionamento iin alcun modo.

 

Quello di cui stiamo parlando è il CTR (Click Through Rate), ovvero la percentuale di clic rapportata al numero di persone che vedono la tua pagina sui risultati di ricerca, ovvero le visualizzazioni. Questa metrica è considerata nelle Ads (le pubblicità sponsorizzate di Google) ma non 'dovrebbe' esserlo nei risultati organici.

 

Per capirci se un sito web viene visualizzato 100 volte e cliccato una soltanto avrà un CTR dell'1%. Teniamo presente che nelle campagna sponsorizzate un CTR del 4/5% è già positivo.

 

 

Da dove arriva questa convinzione?

 

Sinceramente è difficile da capire, probabilmente tutto parte da qualche articoli scritti da operatori del settore magari poco attenti alle specifiche di Google o che, in seguito a loro esperienze personali, hanno rilevato la correlazione tra CTR e ranking.

 

Sappiamo che una volta pubblicato in rete un articolo che contiene una notizia 'rivoluzionaria' si diffonderà a macchia d'olio e sarà inarrestabile, non ha importanza se sia vero, falso o se sia solamente una teoria mai provata, verrà rimoduato, modificato, scritto su altri blog e la notizia diventerà virale.

 

Quella che forse probabilmente era solo una domanda, un dubbio, una teoria, passando di blog in blog può essere diventata una certezza.

 

Esperti SEO di livello internazionale hanno effettuato dei test, molto ben fatti ma troppo lunghi da spiegare in quest'articolo dettagliatamente. In pratica con un programma sviluppato in Phyton simulavano i click, ma non semplici click lanciati tutti dallo stesso server, grazie a un sistema molto sofisticato i click risultavano arrivare da tanti server diversi, in diversi momenti della giornata, con pase sulle pagine e tanti user-agent diversi (500 per l'esattezza che venivano alternati tra i vari click).

 

Monitorando un sito, anche questo scelto per particolari specifiche che lo rendessero il più neutro possibile, dopo sette giorni di click continui salì di diverse posizioni. Parliamo di un sito che era alla fine della prima paginia da tantissimo tempo, inchiodato li e senza più nessun appeal, per cui non poteva ricevere link esterni o altro in questo periodo di test. Si tirovò a fluttuare tra le prime tre posizioni.

 

Questa prova ovviamente non è una prova definitiva peché la metria che misura l'efficacia del test come sappiamo è molto variabile e il risultato potrebbe non essere dovuto al test, tuttavia resta un esperimiento interessante che vale la pena approfondirlo che siete interessati all'argomento.

 

 

Click through e posizionamento

 

 

L'importanza del CTR

 

Sia che influenzi o meno il popsizionamento il CTR resta comunque fondamentale in ambito SEO.

 

È una metrica fondamentale per capire se abbiamo scritto un title e una description accattivanti, in grado di spingere l'utente a cliccare il nostro sito, anche se magari non è al primo posto. L'ottimizzazione SEO e una buona campagna di link building sono due tasselli fondamentali per scalare la SERP, ovviamente più saremo in alto e più faremo visualizzazioni che potranno tradursi in click incrementando il nostro CTR.

 

Se facciamo campagne sponsorizzate come Google Ads il CTR è la metrica più importante per misurare lo stato di salute della nostra campagna.

 

 

Tag title e CTR

 

Quando scriviamo il tag title dobbiamo pensare a due tipologie di lettori: gli utenti e i bot.

 

Dobbiamo pensarlo per piacere ad entrambi e spesso non è facile, perché un title che pensa solo alle parole chiave sarà poco elegante e soprattutto poco interessante per gli utenti che probabilmente non lo cliccheranno, viceversa rischiamo di essere penalizzati dai motori di ricerca.

 

La scelta sulle parole da usare dovrà essere ragionata anche in base ai competitors, se scegliamo parole molto generiche la concorrenza sarà tanta e di conseguenza salire di posizione non sarà facile, con ovvie ricadute sui click.

 

Scriviamo un title che sia unico nel nostro sito, evitando title duplicati.

 

Un buon title contribuirà e non poco alla crescita del CTR. Purtroppo spesso si tende a compilarli in modo frettoloso e poco attento, invece dovremmo dedicargli tempo e analizzare bene i possibili effetti della nostra scelta.

 

 

Tag description e CTR

 

Il tag description non è un fattore di ranking, tuttavia è visibile come il title nella SERP e ci permette di scrivere molto di più, proprio per questo motivo la sua importanza nei confronti del CTR è la medesima del title.

 

Una description concisa e accattivante potrà attirare un maggiore di click, stimolare la curiosità degli utenti, soddisfare il bisogno che ha mosso la ricerca, sono tutti stratagemmi efficaci per ottenere dei risultati in termini di click.

 

Usiamo le parole chiave che verranno utilizzate per la ricerca perché saranno evidenziate in grassetto rendendo la nostra description ancora più incisiva.

 

Come per il title scriviamo una description che sia unica nel nostro sito, evitando description duplicate.

 

 

URL e CTR

 

Anche l'URL (l'indirizzo della pagina web) verrà visualizzato nella SERP, più sarà breve, tematico e di facile comprensione più click raccoglierà.

 

 

Click through e SEO

 

 

Conclusioni

 

Tirando le somme i click migliorano il posizionamento del nostro sito web nella SERP? A quanto pare no, o almeno per ora nessun tipo di prova tangibile è stata dimostrata. Lo stesso Google dichiara che non c'è nessun tipo di legame tra click e posizionamento, tuttavia il dubbio resta.

 

Sappiamo che non tutte le regole che governano l'algoritmo del noto motore di ricerca ci vengono raccontate, molte sono state scoperte con l'esperienza e i tentativi effettuati dagli operatori del settore.

 

Il test di cui abbiamo parlato è molto interessante e probaibilmente ci lascia un dubbio che però non abbiamo modo di risolvere, forse se in futuro altri effettueranno test del genere con il medesimo esito non si parlerà più di coincidenze, ma effettuare un test di quel tipo richiede tempo e forse nessuno avrà voglia di riprovare.

 

Tuttavia il CTR resta fondamentale per cui, indipendentemente dall'argomento dell'articolo, ogni sito web cercherà di migliorarlo comunque, se poi li farà anche salire di posizione ancora meglio.

 

 

Potrebbe interessarti anche

 

 

 

Chi siamo

 

Siamo un'agenzia web con oltre 20 anni di esperienza, ci occupiamo dello sviluppo di siti web, e-commerce e portali, campagne pubblicitarie su motori di ricerca e social media, comunicazione tradizionale.

RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il seguente modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi oppure telefonicamente al n. 347 2433781
  Acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato nell'informativa privacy (leggi l'informativa)