Blog / Creare un logo professionale
Creare un logo professionale

Creare un logo professionale

Tutte le attività hanno bisogno di un logo che le caratterizzi, sia che si tratti di un semplice lettering o di un simbolo, non è pensabile proporsi sul mercato senza un logo che rappresenti al meglio la nostra identità, che resti impresso nella memoria delle persone e che permetta loro di riconoscerci in ogni occasione. Pensate a un sito web senza il logo in testata o a un prodotto senza il logo nel packaging, sarebbero poco riconoscibili, l'immagine del brand ne risulterebbe compromessa e poco efficace a livello di marketing e comunicazione.

Il logo è la base di partenza per creare una campagna di comunicazione che funzioni, è una delle poche condizioni imprescindibili.

Quando pensiamo a un'azienda, sia che si tratti di una multinazionale che di una piccola atività locale, la prima cosa che i viene in mente è il logo, spesso le piccole attività pensano che sia poco importante per loro e tendono a tralasciarlo oppure a crearlo senza alcun tipo di studio semplicemente acquistando una grafica o creandolo con qualche applicativo online, sottovalutando l'importanza del suo impatto sia verso i clienti che nella comunicazione.

 

 

Caratteristiche di un logo professionale

 

Vediamo quali caratteristiche deve possedere un logo professionale per essere efficace:

 

SEMPLICITÀ

Più è semplice e più sarà facile da ricordaare e da riconoscere, tutti gli elementi che lo compongono dovranno avere un senso evitando di aggiungere decorazioni a caso solo per arricchirlo, altrimenti otterremo l'effetto opposto, ovvero un logo articolato senza un significato che nessuno ricorderà e che non identificherà il nostro brand in maniera efficace. Semplicità non significa banalità, tutt'altro.

 

SCALABILITÀ

Per essere efficace deve potersi adattare ad ogni tipologia di comunicazione, da un sito web a biglietto da visita, da un grande cartellone pubblicitario a una piccola etichetta. Inutile dire che più il logo è ricco di elementi grafici articolati e più sarà diffice che abbia una buona resa nei piccoli formati, infatti questo punto è strettamente legato al precedente: la semplicità.

 

COERENZA

Il messaggio che trasmetterà dovrà essere coerente con i valori dell'azienda. Spesso quando chiediamo ai clienti se hanno un logo ci rispondono: 'no ma ne scarico uno e ve lo mando'. Ovviamente se questa è la scelta del cliente, magari per contenere la spesa o perché non ha intenzione di investire nella creazione di un logo, lavoriamo con quello che ci viene inviato, ma è un errore. Il logo è l'elemento costante che caratterizzerà tutta la comunicazione e che renderà riconoscibile il brand agli occhi del pubblico, va studiato e confezionato ad hoc, anche senza investirci grande somme, si può fare anche con cifre molto contenute, ma è sempre bene affidarsi a un esperto o a un'agenzia di comunicazione.

 

ORIGINALITÀ

Un logo copiato o scaricato dal web difficilmente produrrà gli stessi risultati di un logo originale, in grado di distinguersi e di caratterizzare il brand in modo unicovo, restando impresso nella memoria dei clienti che lo abbineranno immediatamente al vostro brand.

 

BIANCO E NERO

Non deve essere bello solo a colori ma deve poter essere utilizzato anche in bianco e nero, questo permette una grande flessibilità di utilizzo.

 

LONGEVITÀ

Quand progettiamo un logo proviamo a immaginarlo tra venti o trent'anni, sarà ancora attuale? Oppire lo vediamo già vecchio tra pochi anni? Pensiamo che dovrà rappresentarci per sempre, è vero possiamo cambiarlo o fargli un restyling nel tempo ma non è così semplice, ormai tutti ci conoscono per quel simbolo che ci caratterizza da sempre e i cambiamenti che dovremmo apportargli in seguito per migliorarlo potrebbero essere controproduttivi, sempre meglio partire col piede giusto piuttosto che dover correggere in futuro.

 

 

Grafica e logo design

 

 

Tipologie di logo

 

Possiamo orientarci su diverse tipologie di loghi, dal semplice lettering formato per esempio dal nostro nome scritto con caratteri particolari, un simbolo oppure entrambi, vediamo le diverse tipolgie:

 

PITTOGRAMMA

Disegno o simbolo, in genere stilizzato, che rappresenta l'azienda, può essere colorato o in banco e nero, se ben studiato racchiuderà nella sua semplicità il messaggio che il brand vuole trasmettere.

 

LOGOTIPO

Di solito il nome testuale dell'azienda oppure un'abbreviazione dello stesso, specialmente se molto lungo si tende a limitare un po' i caratteri per mantenere l'effetto 'logo'. Questa tipologia è molto utilizzata ma non è così semplice come sembra, la scelta di un determinato font, magari modificato per renderlo unico, può trasmettere molti più significati di quello che si pensa.

 

MONOGRAMMA

In questo caso abbiamo sempre un logo testuale ma solo con le iniziali del nome, è molto efficace se se ben costruito lavorando e modificando il carattere utilizzato (oppure disegnadolo da zero) l'effetto sarà non solo bello da vedere, ma molto facile da ricordare e riconoscere, pensate ai tanti brand nel mondo del lusso che utilizzano monogrammi.

 

PITTOGRAMMA + LOGOTIPO

Spesso vediamo loghi di aziende composti da un simbolo più il nome dell'azienda stessa, è anche questa una formula molto usata e permette all'azienda di utilizzarlo in forma completa (pittogramma + logotipo) oppure solamente di utilizzare solamente il pittogramma, mantenendo la riconoscibilità del brand anche in situazioni dove per motivi di spazio o di estetica il logotipo non viene inserito.

 

 

Come si crea un logo?

 

Il primo errore che commette chi non è del mestiere è aprire un programma di grafica e cominciare a disegnare, occorre precedere la parte creativa con una fase di studio dell'azienda, del prodotto/servizio offerto, del target di pubblico a cui dovremo rivolgerci.

Per fare questo occorre parlare col cliente, fargli tutte le domande del caso e ascoltare quello che ci racconta sulla propria attività, com'è nata, che obiettivi vuole raggiungere, il suo cliente tipo, dobbiamo fargli più domamnde possibili e soprattutto le giuste domande per entrare in sintonia col brand.

Una volta che avremo immagazzinato tutte le informazioni necessarie dovrà iniziare la fase creativa, dovremo iniziare ad abbinare mentalmente tutto quello che abbiamo imparato a delle immagini, a dei colori, inziare a pensare cosa potrebbe rappresentare al meglio il brand.

Prendiamo carta e penna e buttiamo giù delle idee, questa fase si chiama 'sketching' e deve sempre precedere l'utilizzo di programmi vettoriali dove avverrà la costruizione del logo vero e proprio, lavorare manualmente su carta ci permette di abbozzare idee in modo molto più efficace e fluido rispetto all'utilizzo del computer.

Un logo va sempre costruito in bianco e nero per poi successivamente passare al colore. La scelta di quest'ultimo dovrà essere ben ponderata e anch'essa ci aiuterà a rappresentare al meglio il messaggio che abbiamo deciso di trasmettere.

Facciamo molta attenzione alla scelta del font, anche questo trasmette un messaggio, un significato, inoltre dovrà essere in linea col pittogramma (se presente).

infine ricordiamoci che non è obbligatorio utilizzare un pittogramma, abbiamo tantissimi esempi di grandi brand di successo che utilizzano solamente un logotipo, ovviamente studiati al pari di un pittogramma, a volte anche di più.

 

 

Creare un logo professionale

 

 

Monitoriamo il logo

 

Perché dovremmo monitorare il lgoo? Perché il mercato può cambiare, l'azienda stessa può, con il passare del tempo, rivolgersi a un pubblico diverso, questo fa sì che il logo possa non risultare più in linea con il brand diventando non solo meno efficace ma anche controproduttivo.

Per esempio un'azienda che si occupa di abbigliamento per bambini che col passare del tempo inizia a produrre anche abbigliamento per ragazzi o adulti, se aveva un logo molto giocoso, colorato, magari con un pittogramma fumettistico dovrà intervenire.

Abbiamo detto che non è mai un bene cambiare il logo 'in corsa', tuttavia esistono casi come questo dove diventa inevitabile.

Come dobbiamo agire? Occorre fae un restyling del logo che non snaturi la sua essenza ma che semplicemente lo adegui alla nuova realtà, il pubblico dovrà riconoscerlo e starà in noi modificarlo quel tanto che basta e senza stravolgerlo, mantenendo una connessione con il logo originale.

Non è un lavoro facile, a volte puà risultare più complesso della realizzazione stessa.

 

 

Conclusioni

 

Come abbiamo visto la creazione di un logo non è una cosa così semplice come può sembrare, occorre uno studio approfondito e tanta competenza per ottenere un logo efficace in grado di rappresentare al meglio un brand.

L'importanza di un logo l'abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, quando facciamo la spesa al supermercato ci aiuta riconoscere i prodotti che acquistiamo, quando vediamo una pubblicità di un capo di abbigliamento è il logo che memorizziamo per poi ritrovarlo nei negozi.

Occorre affidarsi a un'agenzia o a un professionista esperto per ottenere un logo che funzioni e che trasmetta il giusto messaggio, ricordiamoci che un logo è per sempre (o quasi).

 

 

Potrebbe interessarti anche

 

 

 

Chi siamo

 

Siamo una agenzia che si occupa di web e comunicazione con sede a Bologna, ci occupiamo principalmente di realizzazione di siti web e strategie di comunicazione a 360°, se desideri maggiori dettagli sui nostri servizi compila il modulo seguente oppure chiamaci al numero indicato di seguito.

RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il seguente modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi oppure telefonicamente al n. 347 2433781
  Acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato nell'informativa privacy (leggi l'informativa)