Blog / La rivoluzione dei chatbot
Chatbot e siti internet

La rivoluzione dei chatbot

Cos'è esattamente un chatbot? È un software in grado di dialogare con te, potremmo definirlo un assistente virtuale realizzato con lo scopo di aiutarti su diversi argomenti, al quale possiamo porre delle domande e ricevere le risposte che ci occorrono, come se parlassimo con un essere umano. Non sono ancora così evoluti come spesso si crede, le intelligenze artificiali sono ancora più vicine a dei machine learning che a vere e proprie AI (Artificial Intelligence) ma molto presto lo saranno e si evolveranno talmente da diventare quasi inquietanti, fino a superare agevolmente il famoso test di Turing.

 

Se non avete mai sentito parlare di questo test si tratta una prova per capire quanto una macchina sia evoluta e intelligente, ve lo spiego in breve (ma se lo cercate in rete trovate la spiegazione completa che è un po' più articolata di quella che sto per darvi): mettiamo tre persone a dialogare tra di loro in modo che non possano vedersi o sentirsi, il test originale prevedeva un dialogo dattiloscritto (erano gli anni 50) oggi potremmo usare una semplice chat, a un certo punto uno dei tre partecipanti viene sostituito (all'insaputa degli altri due) da un bot, se i partecipanti umani non capiscono che il terzo è un bot il test è superato.

 

I chatbot più diffusi che tutti utilizziamo sono quelli integrati nei nostri smartphone come l'assistente di Google sui sistemi Android, Siri per Apple, Cortana per Microsoft e Alexa che ormai è entrata in tantissime case anche del nostro paese e ci avvisa quando Amazon consegnerà un pacco, ci ricorda gli appuntamenti e risponde alle nostre domande anche se non sempre capisce quello che diciamo, dovrà evolversi ancora parecchio, diciamo che non potrebbe certamente superare il test di Turing.

 

 

Quali vantggi portano i chatbot alle aziende?

 

Inutile dire che a livello di costi sono molto vantaggiosi, l'aspetto negativo e che porteranno via posti di lavori.

La velocità di un chatbot nel rispondere e la possibilità di seguire un numero illimitato di utenti contemporaneamente li rendono uno strumento impareggiabile non solo in termini economici ma anche in termini di efficenza e produttività.

 

Un chatbot sarà sempre operativo, 24 ore su 24, 365 giorni l'anno, per ottenere lo stesso tipo di servizio con esseri umani di quanto personale avremmo bisogno? Serviranno uffici dove posizionarli, computer, dovremo pagare le ferie, le malattie, tutti costi superabili grazie all'utilizzo di un semplice bot.

 

Obiettivamente oggi l'assistenza di un bot non è paragonabile all'assistenza di un essere umano, ma lo sarà presto, per cui conviene iniziare ad organizzarsi per questa rivoluzione che ormai è impossibile arrestare e si evolve in maniera talmente veloce che nel giro di pochi anni li vedrà regnare incontrastati nelle assistenze di tutte le aziende, dalle grandi multinazionali alle piccole realtà locali, perché i costi saranno sempre più bassi e alla portata di tutti.

 

 

Bot e videogiochi

 

Magari non ce ne rendavamo conto ma giocando ai videogames abbiamo sempre avuto a che fare con dei bot, erano i nostri avversari, quelli che dovevamo combattere ma che nessun essere umano comandava, se giocavamo a un gioco sportivo era la squadra contro cui giocavamo, magari bot non evoluti come quelli che ci parlano e rispondono alle nostre domande, ma comunque in grado di muoversi all'interno del gioco come se fossero umani, anzi spesso anche molto meglio.

I bot fanno parte delle nostre vite da tanti anni, da allora hanno continuato ad evolversi fino ad arrivare agli odierni chatbot che tutti utilizziamo quasi quotidianamente.

 

 

Chatbot e social media

 

 

E-commerce e chatbot

 

Uno dei settori dove i chatbot hanno visto la massima diffusione negli ultimi anni sono state le vendite online.

Anche se per molti sono solo finestre fastidiose che chiedono se serve un aiuto per l'acquisto di un prodotto stanno diventando sempre più uno strumento in grado di migliorare l'esperienza dell'utente allo scopo di incrementare le vendite.

 

Pensate a quanto personale servirebbe per potere rispondere a 100 o più utenti contemporaneamente in modo immediato, fornire questo tipo di servizio costerebbe tantissimo e sarebbe sostenibile solo da grandissime realtà, l'avvento dei chatbot può permettere anche ai negozi più piccoli di restare al passo dei big a livello ddi assistenza.

 

La possibilità di interagire in modo automatico coi clienti, ad esempio facendo qualche semplice domanda per proporgli i prodotti più adatti alle sue esigenze aiuta a migliorare in modo esponenziale l'esperienza del cliente all'interno dello shop online e di conseguenza ad incrementare le vendite.

 

Grazie ai chatbot sarà possibile offire un'esperienza personalizzata molto più coinvolgente al cliente, instaurando con lui una relazione quasi 'umana', chiamandolo per nome e guidandolo lungo il percorso di acquisto fino al pagamento. Potrà inoltre proporgli prodotti che, grazie all'intelligenza artificiale, saranno mirati in base ai suoi gusti e alle sue necessità del momento.

 

 

Chatbot e occupazione

 

Questa è sicuramente la nota di dolente di questo progresso tecnologico, come lo è di ogni di ogni rivoluzione tencologica, macchine e software portano quasi sempre via posti di lavoro. È stato così per i robot dell'industria che hanno fatto quasi sparire gli operai che lavoravano alle catene di montaggio, i chatbot faranno la stessa cosa ai reparti di assistenza telefonica e via chat delle aziende.

 

Ancora per lo più sono uno strumento che affianca e potenzia l'assistenza umana, magari semplicemente smistando le richieste o rispondendo solo a domande più semplici, e sarà così ancora per qualche anno o magari per un decennio, è una rivoluzione che ha bisogno di tempo, la AI non sono ancora perfette e faticano a svolgere compiti complessi o che richiedano ragionamenti articolati, diciamo che sono ancora dei bambini rispetto a noi, ma cresceranno e sarà meglio prepararsi per non farci trovare impreparati e ... disoccupati.

 

Grazie al machine learning si evolvono, imparano, ogni giorno di più, arriveranno a superare agevolmente il test di Turing e ci supereranno, ragioneranno in modo molto più veloce di noi, senza errori e non saranno mai stanche, stressate o svogliate sul lavoro, sarà impossibile competere con loro.

 

 

Quanto costa un chatbot?

 

Come ormai quasi tutto quello che compriamo online a lilvello di software anche i chatbot quasi sempre sono a noleggio, i prezzi variano in base alle caratteristiche offerte e le aziende che propongono il loro chatbot sono sempre di più, un mercato in forte crescita che come tutti i mercati a forte concorrenza vede progressivamente diminuire i prezzi.

 

I costi partono da dei minimi di 60/70 euro al mese fino ad arrivare ancnhe a un migliaio di euro mensile o più, offrono la possibiità di personalizzarli con domande e risposte di nostra scelta e sono integrabili in qualsiasi tipo di sito web o applicazione.

 

 

Chatbot e siti web

 

 

Bot e marketing

 

I chatbot non si limitano a rispondere agli utenti ma possono diventare dei veri e propri strumenti di marketing.

 

Già oggi abbiamo a disposizione diversi strumenti che, una volta installati sui nostri e-commerce, ci permettono di proporre ai clienti i prodotti profilati in base a come l'utente si è comportato all'interno del nostro negozio online, in base agli acquisti fatti non solo sul nostro sito ma anche sui siti dove questo bot è installato, in base a dove ha rallentato mente scrollava per informarsi meglio su un prodotto, in pratica analizzando completamente ogni singola azione compiuta.

 

Per fare questo il bot registra e analizza tutti i movimenti compiuti da ogni singolo utente, li analizza e grazie all'intelligenza artificiale crea un profilo dell'utente e sarà in grado di mostrargli i prodotti che ritiene più interessanti per lui e che hanno maggiori probabilità di essere acquistati in quel momento.

 

È uno strumento interessante da valutare per aumentare le vendite e migliorare la promozione dei prodotti, evitando di promuovere prodotti casuali che hanno molte meno possibilità di essere acquistati, diventando quasi fastidiosi per chi naviga il sito, come, per fare un esempio banale, proporre abiti da donna in saldo quando l'utente che sta navigando il sito è un uomo.

 

La possibilità di targhetizzare ogni singola promozione offre una posisbilità di crescita impensabile fino a qualche anno fa, rendendo la navigazione tra i prodotti personalizzata per ogni cliente.

 

 

Conclusioni

 

La rivoluzione dei chatbot è inarrestabile e potremmo dire che si trovi già ad un livello molto avanzato, anche se ancora non proprio del tutto completo, dovrà evolversi ulteriormente per poterla definire una tecnologia in grado di sostituire completamente il lavoro umano, ma sarà inevitabile e dovremo adeguarci per non farci trovare impreparati.

 

 

Potrebbe interessarti anche

 

 

 

Chi siamo

 

Siamo un'agenzia web con sede a Bologna spacializzata in prodotti digitali, siti internet, gestionali web based, comunicazione e strategie digitali, scopri tutti i servizi di www.davidenanni.com

RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il seguente modulo per richiedere informazioni sui nostri servizi oppure telefonicamente al n. 347 2433781
  Acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato nell'informativa privacy (leggi l'informativa)